Categorie
Elettronica

Gotcha – Common Flaws

Dopo Pressure, Gotcha è il secondo singolo della produzione Common Flaws, una traccia di stampo Tech House morbida e spigolosa al contempo e pronta a far esplodere le serate nei Disco Club.

Abbiamo incontrato Jack per farci raccontare il suo progetto che reputiamo molto interessante e perfetto per alcuni luoghi sacri della musica da Club. Godetevi il video di “Gotcha” e di seguito la nostra intervista!

Categorie
Elettronica

Milano 84 – Awesome

Il progetto Milano 84 è un mondo al quale sono ormai affezionato da diversi mesi. “Awesome” è il terzo singolo pubblicato in poco meno di un anno dal duo composto da Fabio Di Ranno e Fabio Fraschini. Entrambi musicisti e producer, stanno velocemente trasportando i suoni dell’Italopop nel presente, con sapiente maestria. Dopo “Play” e “Suspiria on Tv” in collaborazione con le cantanti Laura Serra ed Eleonora Cardellini si è scelto di utilizzare la lingua inglese per il terzo singolo grazie al bellissimo featuring con Killme Alice.

L’inevitabile ritorno delle sonorità anni 80 era più che pronosticabile data l’ampia versatilità di un genere che riesce ad abbinarsi spesso ad altri. Nel caso di “Awesome” i Milano84 ci regalano un viaggio temporale attraverso il pop, un pizzico synthwave e perchè no, qualche sprazzo delle colonne sonore di film cult, soprattutto americani e italiani.

Il video Lyrics di Awesome

La bellissima notizia è che questi tre singoli finora pubblicati, anticipano un disco che sarà in uscita a Novembre 2020, il primo per i Milano 84 . Ancor più piacevole è la notizia che l’album sarà disponibile in vinile grazie a Lost Generation Records, distribuito da Bordello a Parigi.

C’è qualcosa che mi fa sentire bene quando metto play e ascolto i brani di Milano 84 e mi regala un pò di spensieratezza, quella sana malinconia di un periodo storico che avrei voluto vivere da protagonista. Di contro, il periodo storico attuale, non lo tollero molto, perciò se con le loro idee musicali riescono a farmi dimenticare in quale anno siamo, significa che l’esperimento funziona!

Mantenere un livello alto sia in lingua italiana che inglese era una scommessa molto rischiosa. Ebbene, i Fabio dell’Italopop, sono andati secondo me ancora meglio con la sperimentazione al fianco di Killme Alice. Bisognerà pure iniziare ad ampliare la visione nel panorama musicale attuale. Non limitiamoci ai copia/incolla del famoso Indie super saturo di produzioni da manuale che non restituiscono nessuna nuova emozione.

Non fermiamoci ai confini del nostro ingresso di casa o della nostra ripetitiva playlist su Spotify. Spaziamo l’orizzonte verso un approccio internazionale che, sfortunatamente, solo pochissimi artisti italiani hanno avuto il piacere di sperimentare.

Categorie
Elettronica

Eliza Tron e i suoi computer

Eliza Tron è un progetto dietro cui si nascondono Andrea Pieragostini e Marco Zamuner. Nato all’ombra della Mole e coccolato dall’abbraccio della Bliss Corporation, rappresenta un cyborg piombato in un futuribile mercato musicale armato di sonorità ibride e rime iperboliche.

Partendo da una romantica e democratica idea di DIY (tradotto: mi piace e lo produco), si pongono all’estremità della gaussiana, raccontando un mondo non ascrivibile a schemi musicali prestabiliti. Ascoltando la produzione precedente (vi consiglio Papi break per farvi un idea), l’idea di fare quattro chiacchiere. 

Rompiamo il ghiaccio. Eliza Tron: cosa significa, perché lo avete scelto e cosa rappresenta il kanji immediatamente successivo?

Andrea​: Il nome è un anagramma di “ItzNoReal” un progetto Future Bass/Dance in inglese su cui abbiamo lavorato come stagisti e il cui artista era mascherato. Con eliza tron abbiamo sostituito l’italiano all’inglese e abbiamo mostrato le nostre facce invece di nasconderci dietro una maschera.

Marco​: …abbiamo​ ​scelto tra tanti anagrammi di ItzNoReal quello che ci piaceva di più perchè “eliza” è il nome di una ragazza e “tron” ricorda la musica elettronica e (ovviamente) il film.
Andrea​: Il kanji è lì perchè sono appassionato di arti orientali e ci prende bene e anche perché lo ho abbiamo fatto ma non sappiamo cosa significhi… così ognuno ci vedrà quello che vuole. Lo scopo dell’arte è fare domande no?

Le vostre influenze musicali. Chi sono i vostri numi tutelari e a chi sentite di dover dire grazie.

Andrea​: In ordine cronologico: Ho iniziato con i dischi di mio padre, che è appassionato di Nick Drake, John Mclaughlin e tutta la musica fusion in generale. Per ribellione adolescenziale ho amato il punk sia italiano che estero in tutte le sue forme, mangiandomi i dischi dei CCCP, Rancid, NOFX e chiunque avesse chitarre distorte e dicesse cose strane. Poi il mio lato pop represso ha prevalso, facendomi avvicinare ai computer. È così che mi sono appassionato a Flume, Mura Masa, Porter Robinson, 100 gecs, e tutti quelli che stanno portando suoni nuovi e rivoluzioni nella musica.


Marco​: Io da piccolo ascoltavo quello che mettevano i miei, quindi tutta la musica dei cantautori. Poi mi sono preso bene con l’hard rock e tutti i vari generi di metal e punk. Ma il mio vero amore è la musica elettronica che ho scoperto alle superiori. Se devo fare dei nomi: Led Zeppelin, Genesis, Beatles, Metallica, Placebo, My Chemical Romance, Skrillex, Flume. Dico solo i famosissimi per non fare torti a nessuno. Ma in realtà ce ne sono tantissimi altri meno noti.

I miei pensieri. Quasi una canzone d’amore, eh? Un amore virtuale, un’attrazione che rischia di esplodere, la monopolizzazione del pensiero. Più cantato, più testo. Rappresenta un’evoluzione della vostra poetica musicale o è una tavolozza uscita così?

Andrea​:​ ​Sì, esatto, è una canzone d’amore.E l’amore è una tavolozza che ti dà la possibilità di mischiare mille colori, anche quelli che non sapevi di possedere . Parla di amore un po’ 2.0, l’unico possibile durante la quarantena, così ci siamo chiesti: “Quanto influiscono i pensieri sulla fedeltà di un rapporto? Quanto è diverso tradire attraverso mente e schermo dal tradire nella realtà?”

L’esperienza in Bliss Corporation. Un movimento storico. Pregi e limiti della vostra militanza al suo interno.

(​Andrea & Marco) Limiti ben pochi: la Bliss è una macchina da sperimentazione continua in un sacco di campi, dalla musica ai video alla comunicazione…Dal primo giorno in cui siamo entrati (tramite stage, tra l’altro) abbiamo assimilato ogni cosa che potesse migliorarci continuando a essere liberi di poter fare e sperimentare tutto ciò che ci piace. Ci ha permesso di lavorare in squadra, migliorare noi stessi migliorando le idee degli altri, in modo da creare qualcosa che nessuno aveva pianificato prima e che sia superiore alla somma delle parti.

Come avete vissuto il lockdown. Cosa vi ha insegnato, quale porta sentite invece chiusa dopo questi mesi?

Andrea​: Il lockdown è stata un’esperienza positiva per me. Ho avuto occasione di concentrarmi sulla musica, mantenendo i contatti (seppur digitali) con le persone a me più care. È stato come entrare in una dimensione parallela, dove tutto è sempre stato così sin dalla mia nascita e avere il tempo di fare tutto quello che ho sempre voluto fare senza sosta. Per questo mi sento di dire di non aver visto nessuna porta chiudersi, in questi mesi.


Marco​: Anche io l’ho vissuto piuttosto bene. Mi sono ammazzato di musica e serie tv.Verso la fine è diventato un po’ pesante non poter staccare mai. Lavorare da casa ha il suo fascino ma ho capito che è molto meglio avere un luogo adibito solo al lavoro. Credo che mi abbia insegnato a non dare per scontato nulla, neanche la possibilità di uscire di casa.

Come sarà la musica in Italia tra 10 anni? Cosa ascolteremo?

Andrea​: Sono abbastanza convinto che il panorama culturale influenzi esponenzialmente la musica. Nella nostra generazione sento un po’ un ritorno del “no future” alla Sex Pistols, che sta generando un sacco di incertezze; questo, credo, si tradurrà in musica con ritmiche sempre più indefinite e progressioni armoniche sempre più imprevedibili, facendoci uscire dal pop alla quattro accordi.


Marco​: Non ci avevo mai pensato, quindi per risponderti sono andato a vedere quali sono state le hit in italia di dieci anni fa e le ho confrontate con quelle di oggi. Le cose che ho notato sono l’esplosione del rap e l’incremento di giovani nelle classifiche. Quindi se devo fare una previsione direi che il rap continuerà a crescere perchè penso che attualmente sia il linguaggio che appartiene di più alle nuove generazioni. Probabilmente cambieranno i suoni e l’estetica ma non è una moda passeggera. E poi lo sviluppo della tecnologia darà sempre di più la possibilità a tutti di autoprodursi musica in casa. Quindi sicuramente spunteranno fuori tanti talenti giovanissimi che rinnoveranno la scena e sconvolgeranno le classifiche.

Cosa è la future bass? Ha senso parlarne in Italia?

Andrea​: Diciamola con Wikipedia: “Future Bass è un termine per indicare un sottogenere di musica dance elettronica che prende influenze da vari stili di Wonky, Trap e Dubstep.” È tipicamente Australiano, del Regno Unito e degli USA. Bisognerebbe trovare una via italiana,​ ​così com’è stato per la trap e per l’indie. In realtà non mi dispiacerebbe scrivere una “Never Be Like You” formato spaghetti, e non ti nascondo che è un po’ il mio obiettivo attuale, in effetti.


Marco​: Anche se ha il termine “future” nel nome ormai è un genere che esiste da tanti anni e benché in italia non sia molto popolare ha sicuramente contaminato le produzioni degli altri generi come il pop o il rap.Ho sempre inteso la future bass come un’attitudine più che un genere. La ricerca di innovazione sonora. Creare il suono che nessuno ha mai sentito prendendolo dal ”future” per stupire chi ascolta e smuoverlo con il “bass”. In questo senso penso che non morirà mai ma verrà inglobata dagli altri generi come è successo per esempio con il Rock

Come vi approcciate al mondo dei social? Per sfondare è tutta questione di like e stream?

Andrea​: Ho 22 anni, e come ogni 22enne mi approccio ai social meglio del 50enne medio e peggio del 16enne medio. Fortuna che lavoriamo in team. Grazie​ ​alla nostra amica​ ​Chiara che si occupa dei social in BlissCo riusciamo a fare emergere le cose che ci piacciono. E anche se la creazione di materiale è una sfida giornaliera è una soddisfazione sapere di avere il proprio microfono per far sentire quello che facciamo. Like e stream sono senza dubbio motivanti, però non è quello l’obiettivo, a mio parere. C’è molto di più, in un brano di successo, che molti pollici in su e views. “E cos’è questo molto di più?” Error 404 – not found.


Marco​: Sicuramente i social network sono uno strumento potentissimo e indispensabile per promuoversi. Ma sinceramente è la parte di questo lavoro che “mi chiude” di più. sono un po’ a-social. Non credo che per sfondare sia tutta questione di like e stream ma non so… appena sfondiamo ti dico.

Come evolverà il progetto? EP, album, collaborazioni?

Andrea​: Sicuramente collaborazioni. Sicuramente altre canzoni ma in realtà non lo sappiamo nemmeno noi come si evolverà. Ogni giorno è un passo in più per capirci meglio e per conoscere noi stessi. L’unica cosa che posso sperare è di riuscire a interpretare questo cammino al meglio nelle nostre canzoni.


Marco​: Io ho il sogno di fare una collaborazione con Al Bano

 Consigliateci un libro ed un album.

Andrea​: Album:<< The Residents – Commercial Album >> Libro:<< Musica – Yukio Mishima >> (No, non parla di musica).


Marco​: Come album ti dico “things happen, it’s ok!” di Fromtheheart perché l’ho risentito ieri.Invece libri non ne leggo perchè mi annoio quindi ti consiglio la serie di Netflix “Dark” perché ho appena finito l’ultima stagione e sono ancora sconvolto.

A cura di
Francesco Pastore